Il passo, la gamba. 

Credo, o meglio sono certa di averlo già scritto: sono una persona abitudinaria, a casa come in vacanza. Qui al mare frequento praticamente solo due bar, ovvero una gelateria in piazza Marina, uno dei due unici locali in 15 km di litorale in cui il gelato superi i miei severi standard, è il chiosco a … Continua a leggere Il passo, la gamba. 

Di sole e segni del costume. 

Se tra le verità universalmente riconosciute c'è l'inossidabile efficacia della prima doccia dopo il rientro a casa per sbiadire l'abbronzatura di due toni in un solo istante, è altrettanto inconfutabile che nulla come la doccia al mare dopo un pomeriggio di sale e di sole fa risaltare quei meravigliosi segni del costume che confermano che … Continua a leggere Di sole e segni del costume. 

Il cane Freud. 

Stanotte ho sognato che mia madre aveva scritto su un bloc notes una lista molto dettagliata delle ragioni per cui una cosa che stavo facendo era sbagliata.  La salvifica indulgenza del mio efficiente subconscio ha provvidenzialmente cancellato tutte le voci di quella dannata lista, tranne una, che riguardava le mie gambe, nel sogno alquanto malconce … Continua a leggere Il cane Freud. 

Potrei, ma non lo farò. 

Potrei raccontare qui del trauma del rientro a trentasei gradi dopo tre giorni passati indossando anche le felpe, con sedici gradi a duemila metri, ma potreste obiettare (a ragione) che non me lo ha ordinato il medico di andare in vacanza in montagna, e quindi non lo farò.  Potrei raccontare del pomeriggio dentro un affollatissimo … Continua a leggere Potrei, ma non lo farò. 

The same old lie. 

Ci sono posti più densi degli altri, posti in cui per quanto forte splenda il sole e per quanto azzurro sia il cielo il peso della Storia ha lasciato un segno troppo a fondo nella pietra perché sia possibile ignorarlo a lungo. Un posto così è l'Altopiano di Asiago, dove pure la Memoria della prima … Continua a leggere The same old lie. 

A ognuno il suo porn. 

Forse è per via dell'ipnotica rotazione del tornio, o magari è l'argilla duttile che prende forma e vita nelle demiurgiche mani dell'artigiano con movimenti sempre uguali da migliaia di anni. Probabilmente c'entra parecchio anche l'imprinting di Demi Moore e Patrick Swayze in quella scena, che insieme a quella gran zoccola di Cenerentola e a nessuno … Continua a leggere A ognuno il suo porn. 

Un imprenditore in vacanza, prima puntata. 

È dura, io ve lo dico. Non è per fare polemica, ci mancherebbe. Anzi. È che io veramente non ci sono tagliato, probabilmente: quando ti ritrovi a chiederti più volte al giorno, tutti i giorni, se sono loro o sei tu, probabilmente sei tu. Nella fattispecie caso, io.  Intendiamoci, non è che io sia il … Continua a leggere Un imprenditore in vacanza, prima puntata.