Strofinare e lucidare tutto prima che qualcuno venga a trovarci.

Stavo lavando il bagno, operazione da sempre parecchio catartica, e mi sono messa a pensare a quanto sia delle volte assurdo da parte mia l’affanno disperato con cui mi precipito a pulire strofinare spolverare lucidare tutto prima che qualcuno venga a trovarci, cosa che accade assai sporadicamente, come se io quando vado a trovare qualcuno, cosa che accade ancora più sporadicamente, mi mettessi lì a guardare la polvere o gli aloni sui rubinetti. Chissenefrega, degli aloni.

A casa degli altri, però. A casa mia no. A casa mia i rubinetti se viene un’amichetto dei bambini devono essere brillanti. Prima ho ripiegato pure gli angolini del rotolo della carta igienica,  eccezionalmente in sede (di solito è sul mobile per evitare che Piccolo se la mangi – la tagli a pezzetti- ci si avvolga. Capite, ripiegare gli angolini è grave. È albergo, è follia. È l’effetto Pinterest, dove le case sono perfette, con il disordine giusto e tutto il resto.

A casa mia il disordine è sempre sbagliato, sempre. Soprattutto quando arriva mia madre, che essendo tecnicamente di famiglia non ha diritto allo status di ospite, ma che al  contrario degli ospiti nota ogni singolo granello di polvere, intuisce il Caos dentro ai cassetti,  percepisce la superficialità della passata di spugna sul tavolo. Tutto, tutto. Vede Tutto.

Che mondo ingiusto. Vado a risciacquare i bicchieri, ciao.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...