Vado in libreria.

Ogni volta che mi prende una mezza voglia di partire per una shopping session ho la saggia abitudine di riordinare l’armadio, con due nefaste conseguenze per il ricircolo economico locale. La prima è che nel mio armadio non ci sta più mezza t-shirt, e ho buttato tutto quello che non mi piaceva, e la seconda è che non vado mai da nessuna parte e cosa me le compro a fare le robe che poi invecchiano nuove.

Quindi dopo aver ringraziato le mie cose secondo le indicazioni della passivo aggressiva nipponica più in voga del web (konnichiwa Konmari) rimetto tutto a posto, ogni volta secondo una logica diversa che manco a dirlo mi sembra molto più intelligente di quella precedente, per poi non trovare più niente per i successivi tre anni mesi giorni che servono perché tutto torni il solito casino, e non compro praticamente niente.

L’unico interrogativo esistenziale che permane dopo codesto post è non sapere se essere più felice del fatto che in effetti ho già il guardaroba che vorrei o essere un po’ triste perché non ho nessuna buona ragione per dilapidare fortune facendo shopping.

(Come se lo shopping non possedesse già in sé, praticamente immanenti, tutte le buone ragioni per cui, incidentalmente. Ciao, vado in libreria).

(PS la foto di copertina è quella del mio ombrello, che se l’abito non fa il monaco l’ombrello fa la blogger eccome)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...