Cambiare occhiali.

imagePer me cambiare occhiali è una decisione complessa, tormentata, traumatica. Indosso gli occhiali da quando avevo tre anni, quattro, forse, sempre, dall’istante in cui apro gli occhi e tutto è sfocato fino a quando crollo esanime su un libro, dopo mezzanotte.

Ci metto delle eternità a scegliere, provando settordici miliardi di modelli pressoché identici, esito e cincischio, mi illudo che stavolta sì, stavolta prendo un modello trasgressivo e anticonformista. Uno che da solo costituisca una dichiarazione di stile, definita e inequivocabile. Cioè vorrei avere il coraggio di portare gli occhiali da creativo – termine che uso volutamente al maschile per indicare la figura professionale e non la casalinga disperata, crafty e vorrei ma non posso – senza sembrare una perfetta cretina.

Il problema è che gli occhiali diventano una parte fisica della mia faccia, e ci metto molto tempo ad accettare il cambiamento. Odio specchiarmi, e ancor più odio specchiarmi in un negozio dove devo stare appiccicata allo specchio per vedere come sto con questi accidenti di occhiali nuovi, il che mi costringe a notare gli innumerevoli difetti della mia faccia, gli occhi strabici, il naso da rifare, i denti non ne parliamo, l’asimmetria, le impurità. E gli occhiali, che an che se mi aiutano a nascondere un po’ lo strabismo e anche le borse sotto gli occhi, inevitabili dopo trent’anni di occhiali, di certo non infighiscono, di solito. Nel mio caso, no, comunque. tranne i miei adorati rayban da sole extra dark, ma si sa, siamo capaci tutte a sembrare più carine, con gli occhiali da sole è proprio vincere facile, ponziponzipopopoh.

Comunque ho provato circa 46 paia di occhiali, poi ne ho selezionati 12, poi 6, poi sono entrata in panico e volevo uscire, poi 4. Due erano blu e verde azzurri, molto belli e colorati, e gli altri due invece molto più soft. Ho scelto il soft, ovviamente, con il coraggio che mi contraddistingue, e quindi per i prossimi dieci anni avrò gli occhiali più democristiani del mondo, altro che artista bohemien e un po’ pazza.

Nb. non sono questi di Prada della foto, troppo larghi e da signorina Rottermaier, ma sono abbastanza simili. E ora aspetto otto giorni, chè la mia lente sinistra va molata su misura e a mano, da Baruch Spinoza in persona, temo. E se fra otto giorni scoprirò che avrei dovuto seguire il mio istinto e scegliere quelli blu shock? E se li prendevo blu e poi l’anno prossimo me li dovevo tenere blu perchè due lenti mie supersottili antiriflesso fotocromatiche eccetera costano come un rene e non li cambio ogni anno anche per quello, che ho solo due reni poi basta?

(lenti a contatto non le porto, non ce la faccio, ho provato e riprovato, ma no, per via d un brutto trauma postoperatorio da piccola non ho un rapporto sereno con il fatto di toccarmi o lasciarmi otccare gli occhi, e cercare la lente con il dito mi provoca crisi di panico, conati di nausea, brividi di terrore tutto insieme, e non scherzo. Per lo stesso motivo, non posso affrontare le visite preoperatorie per il laser oftalmico, insomma, che vita di merda)

Annunci

One thought on “Cambiare occhiali.

  1. Come ti capisco! Cambio gli occhiali ogni 6/7 anni e li metto sempre… diventano parte di te!
    Mai avuto il coraggio di fare una scelta strong… ho paura di strancarmene!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...