Due lacrimoni grossi così.

Stamattina per un attimo abbiamo creduto di essere rimasti senza corrente al mare. Mi sono dimenticata di pagare la bolletta, era nella scatola con la corrispondenza e le carte della banca che da due settimane dichiaro di avere tutte le intenzioni di riordinare dopo cena, naturalmente guardandomi bene dal farlo. Ci sono quattro bollette da pagare, di cui due scadute, e un F24, domani andrò alle Poste.

Comunque stamattina sono andata in panico totale. Ho registrato con non poco sospetto il fatto di aver digitato sulla tastiera del telefono “cosa fare” e aver immediatamente trovato tra i primi tre suggerimenti di ricerca di Google “se ti staccano la corrente”, segno che o ci stanno ascoltando, o Enel ha un sacco di clienti in mora. Come me, che sono bionda, però.

Comunque ho chiamato l’Enel e mi hanno detto che basta pagare la bolletta e ti ridanno la corrente in un giorno. Poi è tornato in cucina mio marito e mi ha chiesto se avessi verificato con l’assistenza se alla nostra utenza fosse effettivamente stata sospesa la fornitura, e io ho detto oh, no. Allora ha richiamato e non era quello, deve essere un guasto, ma io ero già nel panico più totale.

E adesso sono le tre e mezzo di pomeriggio, abbiamo letto un libro pop up sugli insetti, che a me fanno oggettivamente schifo ma interessano molto al cinquenne, nonché, inevitabile conseguenza, al duenne.

La casa è un casino totale, mi sono passata una salvietta di autoabbronzante ma siccome ero di fretta ora sembra che le mie braccia siamo affette da qualche forma di micosi vagamente arancione, ancora non ho una storia dentro la quale incastrare i pezzi di libro che mi vengono in mente certe volte, e altre quisquilie mi affliggono, in misura singolarmente trascurabile, ma collettivamente inignorabile.

I miei bambini giocano insieme a Lego sul tappeto, e come sempre quando li guardo mi chiedo come siano usciti così bene da me, che rompo bicchieri e dimentico bollette, sbaglio a chiamare l’assistenza e un sacco di altre cose che non vanno per niente. Mi manca proprio il fiato, mi scendono due lacrimoni grossi così, di sollievo perché loro non sanno che disastro di madre hanno, anche.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...