Quella che ha parlato di più.

Stasera sono stata a uno di quegli incontri che organizzano di solito gli asili, tipo quelli con il terapeuta famigliare, infatti c’era lo psicologo, e io non avevo mica tanta voglia di andarci però mi sentivo troppo in colpa perché vado a tutte le riunioni del grande e salto tutte quelle del nido, poi quelle del nido erano comunque disponibili a tenerli e non avevo la scusa della babysitter che non poteva e niente, sono andata.

Penso che queste riunioni servano quasi soprattutto a farti riflettere su quante cose stai consapevolmente sbagliando come genitore, oltre che a farti scoprire che ne stai sbagliando altre due o tre e farti quindi pagare molto più volentieri la retta del nido, in virtù del consolatorio pensiero che almeno per otto ore al giorno sono al sicuro (da te e dai traumi che comunque provocherà alla loro psiche in fieri), però è stato utile.

È stato devastante.

Io sono stata quella che ha parlato di più, come sempre senza filtri, ma l’ho proprio vissuto come terapia di gruppo (cosa che NON era) e temo anche di essermi esposta molto, troppo, e a un certo punto non ha capito la mia domanda, e ha iniziato a parlare di “donne incinta”, allora bum! la mia attenzione è crollata. Mi infastidisce molto, poi, rendermi conto di essermi esposta troppo, e mi secca non capire quanto sia sindrome da prima della classe, insicurezza, bisogno di attenzione, e perché non riesca mai a controllarmi e accorgermi in tempo che sto parlando troppo e poi mi pentirò.

Nonostante un paio di quelle che a me sono sembrate genuine, autentiche stronzate, tutto sommato è stato un incontro utile, ci ho trovato dentro parecchio lavoro da fare, su di me, in primis la costante consapevolezza di quanto profondo e lacerante sia tuttora per me il bisogno di conferme e approvazione da parte del prossimo, a prescindere dalla rilevanza del prossimo nella mia vita, e anche se so molto bene da quali traumi nasca questa necessità, non riesco a superarla.

E ci lavoro un sacco. Anche questo blog è una parte di quel lavoro, non so se è quanto serva, effettivamente, ma è una stanza importante.

Annunci

One thought on “Quella che ha parlato di più.

  1. Io spesso sono stata in silenzio, a queste riunioni, proprio perché ho sempre avuto l’impressione che siano parecchio infarcite delle genuine stronzate di cui parlavi, però se ci sono persone intelligenti credo che siano un ottimo modo di scambiarsi opinioni e paure! Credo che il bisogno di conferme affligga tutti, ed è importante che tu ne sia consapevole!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...