L’amore dura tre anni.

Ma anche meno, direbbero certi. Non so quanto possa durare, ma sono quasi certa di essermi innamorata di nuovo, martedì. sarebbe bello che fosse accaduto all’una e trentacinque circa, come la canzone di Capossela, ma temo sia stato più tardi.

É stata colpa di Facebook, come sempre, ma anche un po’ di un film francese.

Su Facebook è stato perchè nel gruppo dei pubblicitari hanno pubblicato la copertina di un libro, visto e scaricato immediatamente, anch’esso in francese perchè non c’era la versione italiana sul Kobo Store, e il francese è piuttosto facile da capire, anche se in effetti io di francese so quasi solo la traduzione dei principali ingredienti del croquembouche (mi piace dire croquembouche e anche sac à poche, ogni tanto canto proprio croquembouchesacapoche sulle note di Bohemian Rhapsody dei Queen quando fa “Scaramouche, Scaramouche, will you do the Fandango?”).E poi, in uno di quei casi di serendipità libraria che se non ti innamori subito hai un cuore di pietra, la sera c’è stato il film. Scritto e diretto dallo stesso autore del libro, Frédèric Beigbeder, che io chianmo affettuosamente Frédèric Beigbeder.

I film francesi li vedi subito che sono francesi, hanno proprio la luce, la fotografia, anche gli attori, che sono spesso molto brutti in un modo che però li rende belli, io se dovessi bagnare i panni nel Reno conierei volentieri una parola tedesca per descrivere quel je ne sais quoi che rende un film inconfondibilmente francese, uscirebbe una cosa tipo Französischesfilmlichkeit. la filmfrancesità dei film francesi, e sarebbe cacofonicamente efficiente come il 97,46% dei composti tedeschi. Il film francese in questione era questo, visto per caso a tardissima sera (evviva il pulsante blu del MySky che ti fa ripartire i film dall’inizio), una commedia romantica un po’alla Truffaut ma molto contemporanea, con la voce narrante in prima persona per tutto il film e un uso stratosferico della parola scritta, le frasi del libro che scorrono sullo schermo, ma anche i dialoghi stessi sono scritti benissimo. Ho scaricato il libro e naturalmente era anche meglio del film, rispetto al quale ci sono alcune differenze (per Jean Georges nel libro non finisce come nel film). ora riprenderò 99francs, interrotto per leggere L’amore dura tre anni .

Cinico, spietato, eppure profondamente autentico in molto di ciò che scrive, Beigbeder ha proprio la faccia da filosofo stronzo, o meglio ha la faccia degli attori che di solito prendono per le parti da filosofi stronzi, scrive cose vere e tristissime come questa

La nostra generazione è troppo superficiale per il matrimonio. Ci si sposa come si va al McDonald’s. Poi si fa zapping. Come vorreste che si restasse tutta la vita con la stessa persona nella società dello zapping generalizzato? In tempi in cui le star, gli uomini politici, le arti, i sessi, le religioni sono più intercambiabili che mai, perché il sentimento amoroso dovrebbe fare eccezione alla schizofrenia generale?

Infatti si sono lasciati anche i Brangelina, sebbene dopo un po’ più tempo di tre anni, ma magari gli ci è voluto più tempo per accettarlo.

Non manca uno straccio di compassione per i lascianti, che mica è sempre facile, fare i lascianti,  sembra che non abbiano diritto di piangere, loro, mentre a volte invece piangono più dei lasciati, prima, durante e dopo.

La grande questione nella vita è il dolore che causiamo agli altri, e la metafisica più ingegnosa non giustifica l’uomo che ha lacerato il cuore che l’amava.

A me è piaciuto leggerlo ,anche e soprattutto sulla scia del ben più pacato e perbene Alain De Botton, per motivi diversi, però, perchè Beigbeder scrive nel modo in cui vorrei scrivere io, e fa parte delle letture che lentamente mi stanno aiutando a capire che voce voglio avere nel raccontare la storia che piano piano mi sta nascendo in testa.

Frédéric è il tipo tenebroso e capellone della foto in evidenza di questo post. Caruccio, no? E scrive pure bene. (Marò, quanto dev’esse stronzo, questo.)

 

 

Annunci

2 thoughts on “L’amore dura tre anni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...